Backgammon.it

La tua guida on-line di backgammon
Oggi è mar 18 dic 2018, 16:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 117 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: dom 07 feb 2016, 02:11 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2460
Località: milano
Non ho ancora letto l'articolo suggerito da Florin in altro post, in compenso mi è venuta voglia di fotografare la situazione in Italia.
Elencherò solo i fattori positivi che io vedo al di là delle sole lamentele sulla contrazione del gioco in Italia.
So:
In Italia a fronte di apparenti defezioni (per svariati legittimi motivi), ho notato un buon interesse che necessita solo di eventi organizzati o di aggregazione spontanee; in questo senso ogni giocatore dovrebbe dare un piccolo contributo e fare qualche piccolo sforzo.
BENE: In Italia c'è una locomotiva (CNB) che sta trainando molti vagoni con uno sforzo incredibile solo per la passione del gioco; al comando nel locomotore ci son due macchinisti, ma hanno sempre bisogno di alimentare con carbone il locomotore per arrivare lontano; attualmente vedo che in molti stanno aiutando a riempire questo carico di carbone, ma probabilmente non basta ancora; mi riferisco alle attività dei circoli di alcune città che dovrebbero profondere più impegno non solo a ritrovarsi una sera alla settimana, ma anche ad intravedere il gioco attraverso le varie iniziative sia degli altri circoli che delle iniziative nazionali; comunque, negli ultimi tempi, vedo abbastanza bene una certa attenzione in questa direzione, e ROMA,MILANO e TORINO, che attualmente sembrano avere più linfa, dovrebbero interfacciarsi anche con altre realtà nazionali attraverso i rappresentanti locali più rappresentativi e attivi.
BENE: Se l’ on-line ha un pregio in questo momento è proprio quello di raggiungere tutti i giocatori sparsi in Italia e trasversalmente metterli in collegamento; WELL DONE quindi, e il Campionato Italiano On-line è un evento organizzativo di elevata portata e va mantenuto FOREVER, esattamente come per il “LIVE” il Campionato Italiano CNB vertice indiscutibile dell’attività LIVE in Italia.
BENE: Abbiamo instaurato un buon legame con il gruppo d’oltralpe (interessante il prossimo torneo ai primi di Marzo in un posto incantevole in Provenza)…anche qui bene e cerchiamo solo di ampliare il parterre di giocatori italiani disponibili a partecipare (non sempre i soliti possono partecipare) a questi eventi che comunque hanno buone partecipazioni di giocatori di qualità (alle volte basta organizzare una macchina in 4 e si contengono le spese di trasferta) e instaurano sinergie organizzative.
BENE: grazie a giocatori di livello e a loro iniziative, iniziano, fuori confine, a scoprire che esistono gli italiani e che ce ne sono di alto livello molti più di quello che pensavano (in realtà fanno finta di non vederci – ma fa parte del gioco snobbare gli avversari per creare sudditanza al tavolo); Io direttamente ho alcuni recenti ricordi : di Melzi nei primi 8 al Nordic Open di non molti anni fa, la “pettinata” data agli inglesi 3 anni fa con Gullotta e Melzi (ricordo indelebile la spartizione del bottino/tutta la cassa in contanti) e …....bissata l’ anno dopo di nuovo da Gullotta; De Zandonati che sempre a Londra pialla Michi (credo accedendo in semifinale); sempre Gullotta in finale a Montecarlo e la Laura Monaco che a Montecarlo ormai usa la scopa per raccattare allori….ma si anche altri che non ricordo Castellano, Lo Surdo e Riceputi hanno allori recenti all’estero.
BENE: Verona è un esempio di brace latente che ci può essere ovunque in Italia, ed anche questo è un aspetto positivo. Cuneo andrebbe agganciata in qualche maniera. Napoli e Siracusa risvegliate perché ci sarebbero, Bologna rinforzata dall’ interno e la Toscana ricomposta sotto qualche vessillo.
BENE: TAMIGI, dimostrando una a me inaspettata attenzione nazionale, ha varato su wattsapp un gruppo italico. A Milano c’è anche un gruppo locale; ogni tanto si esagera in commenti e battute (basta non leggerle o escludere per breve tempo le notifiche che non interessano tutti), però sono utili anche queste per collegare in uno spirito di gruppo anche a distanza, comunque stanno amalgamando e anche chi non interviene è comunque aggiornato su quello che succede;
BENE: BONETTI, votatosi al Back solo dal 2008, a Como sta cercando di creare una bella realtà locale. Da Milano sicuramente si cercherà di assecondare e sostenere; però che anche Como diventi un portatore di carbone al circuito Nazionale .
BENE: BRACONI ha istituito praticamente una Scuola On-line; sicuramente un passaggio efficace che accelera la crescita in tempi ristretti di chi vuole primeggiare; sarebbe utile che nei circoli ci siano degli spazi dedicati all’insegnamento o approfondimento per basic /intermediate specialmente sulle strategie.
In definitiva vedo belle cose con la consapevolezza che solo grandi azioni di alcune persone e piccole azioni di altre che tengono in movimento il treno; l’invito e augurio e che ogni giocatore faccia almeno una piccola azione e non deleghi sempre l’onere (per convenienza) a chi sembra “fare”, perché………. ITALIANGAMMONCOMMUNITY…SEI ANCHE TU!!!
Questo post quindi anche per invitare tutti i giocatori Italiani che nutrono anche un minimo di “passione” per il gioco, a fare ancora più amalgama e sinergia fra circoli di varie città o anche circoli della stessa…....magari anche attraverso gli scherzosi sfottò di questo forum oltre che analisi tecniche.
Non c'è una Federazione, ma se si provasse a ragionare come se ci fosse..sarebbe divertente.

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia) Campione CDBM 2017- 2018


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: lun 08 feb 2016, 00:57 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
Bravo Danny !
La vedo anche io come te, il backgammon italiano sta lentamente muovendosi, così come anche a livello internazionale le cose si muovono in molteplici direzioni. Spero che l'assemblea biennale di Torino porti delle idee nuove e sopratutto persone, ci sarà il rinnovo delle cariche per il nuovo biennio.

La qualità dei tornei organizzati dal CNB, i risultati all'estero dei giocatori italiani sono importanti secondo me come l'immagine del backgammon italiano, così come il gioco espresso Purtroppo i nostri 2 migliori esponenti ultimamente hanno partecipato poco o niente ai grandi tornei. Faccio alcune precisazioni e aggiungo altri risultati del biennio passato riguardanti i maggiori tornei che vedo molti si sono dimenticati un pò in fretta. Appena finito il torneo di Gibraltar aprirò un post per tenerne traccia d'ora in poi, spero ci sarà qualche risultato importante da annotare.

Nel 2014 a Montercarlo Giorgio Castellano si è classificato 6-8 ed è stato ad un passo dalla prima finale perdendo la prima partita (molto equilibrata ) del suo torneo contro Broomfield, il quale ha battuto anche me un turno prima impedendo una semifinale tutta italiana.
Nel 2015 la squadra italiana ha dominato la prima parte del Campionato Europeo organizzato a Budapest dalla nuova Federazione Europea chiudendo davanti a tutti dopo 7 turni e perdendo poi in semifinale dalla Croazia che poi diventerà campione. Laura Monaco ha fatto 6-8 a Cipro (283 partecipanti), io ho fatto semifinale al Nordic Open (87 partecipanti).

Per quanto riguarda i circoli ci sono le novità Verona e Cuneo, Como nel futuro immediato. Sarebbe bello se ci fosse un loro rappresentante a Torino. Aprirò un post per raccogliere le informazioni su dove e quando si gioca in Italia, ci saranno anche dei link sul sito CNB, penso aiuterà alla formazione di nuovi circoli.

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: lun 08 feb 2016, 15:39 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 07 set 2015, 13:09
Messaggi: 515
danrot ha scritto:
Per quanto riguarda i circoli ci sono le novità Verona e Cuneo, Como nel futuro immediato. Sarebbe bello se ci fosse un loro rappresentante a Torino. Aprirò un post per raccogliere le informazioni su dove e quando si gioca in Italia, ci saranno anche dei link sul sito CNB, penso aiuterà alla formazione di nuovi circoli.


Vorrei evidenziare che l'iniziativa di aiutare la formazione di nuovi circoli è sicuramente apprezzabile...
Vorrei portare l'attenzione sul fatto di "avere una sede" dove giocare.

Questo è stato il punto di snodo più importante ed impegnativo per me qui a Verona.

Ho cercato e trovato una sistemazione che non fosse un bar, una pasticceria, una creperié, o cmq una sistemazione presso un sito commerciale: le persone lo evitano a priori xkè devono spendere ogni sera per giocare... e quei 10-15 euro sono pesanti. Infatti altri che hanno tentato questa via sono caduti alla terza sera...

Non sono stato esente neanche io... Immaginate che chiedo 35 euro per tutto l'anno... corsi, campionati con premi, sede con riscaldamento, parco estivo sotto gli alberi, ... ... e molti non si sono iscritti xkè troppo costoso... cioè 0,96 euro/sera... capito che sorta di taccagni che mi stavo accarrozando?

Inoltre, in molti circoli "non si gioca per il solo gusto di giocare": questo allontana eventuali neofiti... che non vogliono fare la "fine del pollo in rosticceria". Quindi alla fine si ritrovano "i soliti noti"... con "le solite abitudini" + o - lecite...
Questo ultimo fatto - secondo me - fa solo che male alla divulgazione del "gioco" fine a se stesso come evento ludico... anche se per zuzzurelloni come siamo tutti noi.
Qui a Verona si gioca per il semplice piacere del gioco. Sono certo che si dovesse giocare con altri scopi chiuderei subitissimo ! ! ! xkè andrebbero tutti via e per primo io stesso ! ! !

Ben venga un motore che attivi il volano del generare più circoli... ma attenzione alle false partenze, alle finte partenze, alle partenze in un senso per andare in un altro...

_________________
... OSVYX ...
http://bgtreviso.it/
si gioca su tavole DAL NEGRO - http://www.dalnegro.com
seguici anche sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/TVbackgammon/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: lun 08 feb 2016, 17:07 
Non connesso

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:06
Messaggi: 2620
Dove l'abilità è condizionata dalla fortuna la posta in palio economica è irrinunciabile.
In uno sport conta la prestanza fisica o la tecnica, nel bg non è così per cui io giustifico ogni posta in palio economica come facente parte del gioco.
Per anni al bcve sono coesistiti due anime ed entrambi rispettos una dell'altra. Ovviamente trattavasi di club e di amicizie fra persone di estrazioni sociali diverse ma dotate di maturità aggregativa.
Tutto questo per dire che la condivisione di un piacere ludico passa anche per il portafogli, magari qualche decina di euro ma ci sta la posta in palio. Vale anche far giocare a costo zero i neofiti se devono crescere.
Cmq sia è una missione far crescere il bg.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: lun 08 feb 2016, 17:27 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
Fare l'organizzatore è molto più difficile che fare il giocatore, questa figura manca in Italia.
Anche io la vedo come Alfonso, fare convivere in un circolo le due anime del backgammon è possibile. Le sfide andrebbero fatte con gente del tuo livello, anche negli altri sport è così. Giocare partite amichevoli a scacchi o tennis con gente molto più forte non ha molto senso se non nei tornei A bg c'e una posta in palio quasi sempre per la natura del gioco e ciò renderebbe conveniente economicamente questo tipo di sfide per i giocatori più forti ma non ci vuole molta astuzia per capire come stanno le cose. Non vedo perchè in un circolo non ci possa essere sempre un tavolo di chouette, per me rimane la forma più divertente, ci si impara anche e le differenze di valori si riducono visto che ci si consulta.

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: lun 08 feb 2016, 19:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 17 mag 2010, 19:15
Messaggi: 76
Località: Torino Romania :)
Backgammon Point Torino prova cosi:
Il Campionato Sociale, eliminazione diretta ai 5 con consolation ai 3, quest' anno avrà una iscrizione fissa di 10 €. si potrà partecipare ai tornei e alla classifica finale pagando solo 2 € (registrazione e MP playoff). Se uno di questi giocatori arriva a premio, la cifra non verrà attribuita e diverrà added per il torneo successivo.

_________________
Se vuoi vincere, ma pensi che non ce la farai,
è quasi certo che non vincerai.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: ven 12 feb 2016, 11:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 07 set 2015, 13:09
Messaggi: 515
alfonso ha scritto:
Dove l'abilità è condizionata dalla fortuna la posta in palio economica è irrinunciabile.
In uno sport conta la prestanza fisica o la tecnica, nel bg non è così per cui io giustifico ogni posta in palio economica come facente parte del gioco.


Rispetto il tuo punto di vista.
Dal mio punto di vista - però - è proprio questo elemento che non fa avvicinare "persone nuove".
...
e in alcuni casi allontana anche quelli che già ci sono.

Mi raccontano che qui a VR ci fosse un BG Club molto nutrito... di personaggi anche facoltosi... e socialmente ben avviati...
Quindi posso solo immaginare quale potesse essere una "ipotetica posta in palio".
Poi... come neve al sole... tutto si è dissolto.
Vi siete mai chiesti: PERCHE'?

Deve essere successo qualcosa... con qualcuno... o più di qualcuno... tale che alla fine tutto si è fermato, bloccato, scomparso, dissolto.

Ho letto belle parole... di divulgazione di questo gioco... anche verso persone che non lo conoscono.
Ho letto che potrebbero coesistere le due esigenti realtà insieme... come se chi gioca per il solo piacere possa condividere banalmente chi gioca per "portare la serata a casa".
No, non credo che possano coesistere e condividere lo stesso spazio, interessi, obiettivi, tendenze. Ipotizzo che chi voglia giocare per il solo piacere, magari anche volendo imparare meglio, vedendo scopi diversi si allontani alla seconda... terza volta... non va più lontano.
E a questo punto si ritroverebbero i "soliti noti"... che si dissolveranno alla prima "serata strana".

Questo è solo il mio punto di vista: nulla di altro.

_________________
... OSVYX ...
http://bgtreviso.it/
si gioca su tavole DAL NEGRO - http://www.dalnegro.com
seguici anche sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/TVbackgammon/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: ven 12 feb 2016, 13:22 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
Dei circoli sono scomparsi anche per altri vari motivi. A Milano il lunedì le due anime coesistono con dei tornei ad iscrizione diverse, per i beginner tornei separati. Non ci sono i cosìdetti spennapolli, se a questi ti riferisci, gente che cerca accuratamente gli avversari con cui giocare in libera. Se vuoi fare una libera però qualcuno lo trovi, è una disciplina anche questa, ma ovviamente non adatta ai principianti. Al torneo americano nella sfida Usa World Team ci sono state sfide di money games senza soldi in palio, si può giocare anche a punti !

P.S. Noi abbiamo gli scuoiaLeprotti che però sono un altra cosa, il Leprotto è una specie resistente anche alle battoste atomiche, costituita da un unico esemplare che non si arrende mai, nemmeno davanti all'evidenza. :D

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: ven 12 feb 2016, 18:06 
Non connesso

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:06
Messaggi: 2620
Cita:
Vi siete mai chiesti: PERCHE'?

Osvaldo tutto ha una fine e non dipende dall’aspetto economico.
A Mestre un club di amici ha fatto bisboccia con il backgammon a costo zero per anni, storia bellissima ma destinata a finire perché le amicizie sono mutevoli e il backgammon era un mezzo e non un fine.
Diversamente Circoli come Roma, Milano, Torino, Bologna, prima Venezia e pure Napoli, oggi Bologna, hanno creano ottimi giocatori con pochi euro di iscrizione ai tornei sociali.
A me non piace giocare a soldi per principio, mi piace però vincere dei soldi, il premio fa parte della struttura, così nel bridge come nel burraco dove se azzeri le iscrizioni si dimezzano i giocatori.
Poi possiamo giocare per divertirci e lo faccio molto volentieri ma se devo passare una serata con giocatori di buon livello una posta in palio ci deve essere anche se una cena da pagare per i perdenti.
La decrescita non è dovuta all’aspetto economico, nessuno si è mai rovinato con il backgammon, parliamo di pochi euro nei club e di 100/250 euro nei tornei nazionali.
I principianti criticano il giocare a soldi perché stanno dalla parte debole, se fossero dei campioni mi sa che la vedrebbero da un altro punto di vista.
Ci sono giocatori che dopo 20/30 anni di esperienza stanno ancora imparando motivati da passione mista a sacrificio, come lo spieghi a principiante che siamo su piani diversi?
Inoltre demandare la crescita del backgammon a chi fa i tornei non è corretto, sono i circoli che dovrebbero crescere e strutturarsi, il cnb è un associazione sportiva agonistica, seria e motivata a rapportarsi con i migliori giocatori in circolazione e se non metti una quota di partecipazione, nessuno parteciperebbe.

Inoltre le belle parole ci stanno, non è ipocrisia, tutti speriamo che il backgammon cresca e tanto è stato fatto per parecchi anni, oggi è il tuo turno, datti da fare, il nostro dura da 30 anni in cui siamo stati nelle piazze, nelle fiere, nelle stazioni ferroviarie, nelle manifestazioni popolari, a nostre spese. E sempre a spese di chi organizza tutto l'online.


Ultima modifica di alfonso il ven 12 feb 2016, 22:02, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: ven 12 feb 2016, 21:28 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2460
Località: milano
Florin ha scritto:

P.S. Noi abbiamo gli scuoiaLeprotti che però sono un altra cosa, il Leprotto è una specie resistente anche alle battoste atomiche, costituita da un unico esemplare che non si arrende mai, nemmeno davanti all'evidenza. :D

parla l'esemplare di "COCCIUTO" e di "CONTRADDIZIONE" migliore che abbiamo!! non ha mai avuto specchi a casa sua probabilmente. :lol: :lol:

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia) Campione CDBM 2017- 2018


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: mar 16 feb 2016, 12:04 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
alfonso ha scritto:
Inoltre demandare la crescita del backgammon a chi fa i tornei non è corretto, sono i circoli che dovrebbero crescere e strutturarsi, il cnb è un associazione sportiva agonistica, seria e motivata a rapportarsi con i migliori giocatori in circolazione e se non metti una quota di partecipazione, nessuno parteciperebbe.

Inoltre le belle parole ci stanno, non è ipocrisia, tutti speriamo che il backgammon cresca e tanto è stato fatto per parecchi anni, oggi è il tuo turno, datti da fare, il nostro dura da 30 anni in cui siamo stati nelle piazze, nelle fiere, nelle stazioni ferroviarie, nelle manifestazioni popolari, a nostre spese. E sempre a spese di chi organizza tutto l'online.



Queste cose le dovrebbe fare la federazione,che al momento non c'e, ma come dice Daniele Rotondo potremmo ragionare come se ci fosse.
Riparto da qui per mettere giù la mia visione su cosa si può fare, è un anno circa che ci penso, da quando praticamente sono entrato in contatto con EUBGF e ho cominciato a vedere cosa succede nel mondo del BG fuori dall'Italia. Di recente ci sono stati dei contatti fra EUBGF + Giappone e Usa per avere incluso il bg in World Mind Sports Games. La risposta è stata per ora negativa perché mancano alcune cose fondamentali: in primis una federazione internazionale che organizzi competizioni internazionali e un ranking (è già in via di sviluppo). C'e anche la questione dadi ma a mio modo di vedere con tornei del tipo XG Master si potrebbe dimostrare che la fortuna conta molto poco, un principiante contro un campione ne vincerebbe 0 di sfide, come a scacchi. Se in futuro ci si riuscisse con questo ingresso attirare sponsor non sarà difficile.

Tornando all'Italia, io penso che sfruttando l'online si potrebbe aumentare la base di giocatori puntando a quelli che hanno una relazione col bg: scacchi per la parte strategica e qui i tornei XG Master potrebbero essere di attrazione, il poker per la parte di gambling (soldi in palio, giocare i giocatore, concetto di equity). Questa cosa sta un pò avvenendo in maniera naturale con dei giocatori che scoprono da soli il gioco e si si cimentano online, come abbiamo visto il successo de campionato nazionale online.

Ma per il live ? Mancano i circoli principalmente, quelli esistenti si contano ormai sue dita di una mano e non so quanti sono pronti ad accogliere in maniera adeguata i nuovi arrivati. I tornei CNB a quanto pare costano troppo per un principiante, qui vorrei sentire l'opinione di Andrea Garau visto che in un altro post aveva già accennato a questo problema. A Milano dei circoli esistono da anni ma parlando con Elisabetta Romagnoli, la quale avendo un negozio di giochi negli anni ha mandato molti clienti, quasi tutti hanno poi abbandonato per vari motivi. I circoli al mio modo di vedere dovrebbero dotarsi di una struttura che accolga i giocatori, farli appassionare al gioco e insegnare qualcosa. Ovviamente la percentuale di successo (giocatori che andranno a fare i tornei CNB e/o della eventuale futura federazione) non sarà altissima perchè non è un gioco banale come sembra a prima visto però potrebbe aumentare notevolmente a mio modo di vedere. Ultimamente Milano qualche giocatore nuovo ha prodotto ma qui le cose sono più facili avendo molti dei migliori giocatori italiani. Milano deve fare da traino e si può fare di più, personalmente mi impegnerò seriamente d'ora in poi.
Apprezzo molto quanto accade al circolo di Verona, leggo sempre col piacere delle attività interessanti che vengono svolte, magari ne comparirebbero ancora degli organizzatori così determinati e appassionati. Notizie da Cuneo non ci sono, così come da Genova e Bologna che però hanno dei giocatori che frequentano il CNB. Sarebbe da fare uno sforzo per recuperare una perdita importante come il bacino di Napoli, purtroppo dopo che Toledo ha mollato è scomparso tutto ma chissà, magari qualcuno potrebbe aiutare. Creare dei circoli nelle zone dove i giocatori ci sono, tipo Toscana ma anche zona Sud Tirolo rimane un bel obiettivo. Udine mi risulta pure scomparsa ma qui mi potrei sbagliare.

Il problema che ho visto io, paragonando agli scacchi, è che in generale i giocatori di bg non vogliono diffondere le loro conoscenze, come se pensassero: se io insegno qualcosa a questo poi finisce che quando lo incontro farò più fatica a batterlo. Questa mentalità andrebbe cambiata col tempo se si vuole diffondere il gioco, non ci sono tornei a squadre per i circoli e questo sicuramente non aiuta. Se il bg fosse una disciplina con delle federazioni vere ci sarebbe un interesse a formare dei giocatori forti per rappresentare le nazioni nelle competizioni internazionali, penso in Danimarca funzioni così visto che i loro giocatori sono venuti ai campionati Europei a spese della federazione.

Come la vedo io, basandomi anche sui movimenti che vedo succedono ai vertici del bg, nel futuro nelle competizioni molto importanti ci saranno dei tornei con due discipline, quella tradizionale e quella tipo XG Master, per l'elite. Forse questo futuro non è poi così lontano visto che al Nordic Open ci sarà già, vedrei molto bene Fernando Braconi (approfitto per dire ha contribuito al miglioramento di molti giocatori italiani tramite delle lezioni online a prezzi veramente contenuti considerato il suo valore) che non ho ancora sentito ma spero che partecipi anche se la possibilità è molto remota a quanto credo. Ho parlato anche con Carlo Melzi, anche lui sarebbe competitivo in un field che vedrà i migliori al mondo, ma per via del calendario (questo torneo comincia un giorno prima) non parteciperà.
Come ultima cosa faccio il ceno al backgammon nelle scuole, in qualche istituzione straniera (Gran Bretagna, Giappone) ci sono già dei programmi attivi, in Italia penso sia ancora troppo presto per parlarne ma qualche insegnante che ha spiegato questo gioco degli studenti so che c'e.
Concludo dicendo che mi fa piacere discutere di questo progetto/visione con chi interessato, questo forum purtroppo vedo è parecchio deserto ma comunque lo vedo come il modo migliore di condividere queste cose perché quanto scritto rimane e permette anche ai nuovi appassionati di leggere.

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: mar 16 feb 2016, 13:15 
Non connesso

Iscritto il: mer 22 gen 2014, 21:50
Messaggi: 300
ho letto molte sciocchezze, tra cui:

Ho letto che potrebbero coesistere le due esigenti realtà insieme... come se chi gioca per il solo piacere possa condividere banalmente chi gioca per "portare la serata a casa".
No, non credo che possano coesistere e condividere lo stesso spazio, interessi, obiettivi, tendenze. Ipotizzo che chi voglia giocare per il solo piacere, magari anche volendo imparare meglio, vedendo scopi diversi si allontani alla seconda... terza volta... non va più lontano.

Questa è la prima: se a uno piace veramente il gioco va avanti, quelli di cui tu parli non amano il gioco, sono soltanto dei perdi tempo, dei palle sgonfie, li disprezzo: mota senza alcun valore, meglio perderli e sperare che simile fanghiglia non arrivi mai al CNB
Se ami il gioco non sono certo i dieci euro che puoi perdere in una serata a dissuaderti; KAZZO ma se vai al cinema o in pizzeria la gente pretende di non spendere? Per di più in una città ricca come Verona.

l'altra grande sciocchezza la dice Florin: Il problema che ho visto io, paragonando agli scacchi, è che in generale i giocatori di bg non vogliono diffondere le loro conoscenze, come se pensassero: se io insegno qualcosa a questo poi finisce che quando lo incontro farò più fatica a batterlo. ALTRA CAZZATAGRANDE COME UNA CASA, io per esempio ho scritto qualche decina di articoli anni fa, qualcuno si è mai degnato di leggerli?
O i sondaggi di Melzi cui rispondevano meno di dieci persone ( a esagerare); la verità è che , costume italico, in questo forum piace parlare di niente perché , sul niente, si può sempre dire qualcosa: paradossale no?
Ieri sera per esempio, vuoi per il torneo swiss online, vuoi per il rientro da Gibilterra era tutto un mostrare posizioni e discuterle ad alta voce; ok iera sera non c'erano beginner ma intermediates si e costoro, se presenti, hanno potuto certo beneficiarne: tu diffondi una idea esoterica come se fossimo nel Medioveo o anche primo Umanesimo quando i sapienti non condividevano con altri il proprio sapere: vieni proprio dalla terra di Vlad il sanguinaruio tu!
A te Florin che scrivi e scrivi e scrivi, che palle!, ti era stato chiesto da Rotondo ( lui sì un benemerito) di tenere un corso o delle semplici lezioni per i principianti del Lunedì ma non hai fatto niente, forse ti costava fatica, mentre scrivere sul niente non ti costa e magari ti fa pure sembrare intelligente.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: mar 16 feb 2016, 13:52 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
frankino ha scritto:
ho letto molte sciocchezze, tra cui:


l'altra grande sciocchezza la dice Florin: Il problema che ho visto io, paragonando agli scacchi, è che in generale i giocatori di bg non vogliono diffondere le loro conoscenze, come se pensassero: se io insegno qualcosa a questo poi finisce che quando lo incontro farò più fatica a batterlo. ALTRA CAZZATAGRANDE COME UNA CASA, io per esempio ho scritto qualche decina di articoli anni fa, qualcuno si è mai degnato di leggerli?
O i sondaggi di Melzi cui rispondevano meno di dieci persone ( a esagerare); la verità è che , costume italico, in questo forum piace parlare di niente perché , sul niente, si può sempre dire qualcosa: paradossale no?
Ieri sera per esempio, vuoi per il torneo swiss online, vuoi per il rientro da Gibilterra era tutto un mostrare posizioni e discuterle ad alta voce; ok iera sera non c'erano beginner ma intermediates si e costoro, se presenti, hanno potuto certo beneficiarne: tu diffondi una idea esoterica come se fossimo nel Medioveo o anche primo Umanesimo quando i sapienti non condividevano con altri il proprio sapere: vieni proprio dalla terra di Vlad il sanguinaruio tu!
A te Florin che scrivi e scrivi e scrivi, che palle!, ti era stato chiesto da Rotondo ( lui sì un benemerito) di tenere un corso o delle semplici lezioni per i principianti del Lunedì ma non hai fatto niente, forse ti costava fatica, mentre scrivere sul niente non ti costa e magari ti fa pure sembrare intelligente.


Le tue sono opinioni personali basata sulle tua percezione delle cose come sono le mie. Io stavo parlando di rapporto uno a uno, non di riviste e sondaggi. Quanti dopo un game/match contro un intermediate/beginner gli spiegano dove hanno fatto un errore importante ? Io non ne ho visti molti, se tu ok, si vede che abbiamo percezioni diverse.
Con Rotondo, e non solo, stiamo partendo adesso per un progetto, questo è il motivo per cui scrivo di più e non per il fatto di sembrare più intelligente come lo pensi tu. Mi aspettavo altro tipo di intervento da parte tua, sopratutto nei toni. Mi permetti anche tu che se voglio fare una cosa che non viene retribuita la posso iniziare quando voglio io e non quando me lo chiede qualcuno ? Riguardo lo spreco di energie vale anche per te allora, invece di perdere tempo per fare delle critiche gratuite meglio che lo impieghi rendendoti disponibile per insegnare ogni tanto, che ne dici ? Mi dicevi che ti piace e preferisci discutere delle posizioni, mettile no ? Io darò i mio contributo rispondendo.

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: mar 16 feb 2016, 17:45 
Non connesso

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:06
Messaggi: 2620
Florin è notorio che parli tanto ed è altrettanto notorio che Frankino ci impiega un nano secondo a mandarti a f...lo. Io lo prendo con le molle perchè con il tempo ho imparato a conoscere la sua franchezza e la sua qualità di uomo/giocatore. Bisticciare con lui sarebbe facilissimo ma sarebbe stupido farlo. Ignora ciò che non ritieni corretto e conserva con interesse quello che ti pare giusto aldilà del risentimento personale che lascia il tempo che trova. Franchino è OK e se lo coinvolgi ci sta, dipende da cosa gli proponi.

Per tutto quanto concerne l'evolversi del backgammon io individuo una sola strada unica e inderogabile: tornei a costo zero, indicizzati ai principianti.
I tornei CNB sono per "professionisti della tavola" per gente che gioca da molti anni e pure tutti i giorni considerato l'online, il club, i tornei nazionali e internazionali..... Non regge il confronto con i neofiti.
Andare alla ricerca del club perduto è sterile, conviene lanciare una campagna promozionale la dove si avverte che c'è un movimento, esempio Como, Bologna, Firenze, Cuneo, Imperia, Sardegna... insomma ci vuole tanta buona volonta e progettazione e pure sopportare dei costi. A fronte di qualche risultato si può chiedere al CNB una partecipazione economica.

saluti
al.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PANORAMICA SUL MONDO DEL BACKGAMMON IN ITALIA
MessaggioInviato: mar 16 feb 2016, 20:21 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1591
alfonso ha scritto:
Florin è notorio che parli tanto ed è altrettanto notorio che Frankino ci impiega un nano secondo a mandarti a f...lo. Io lo prendo con le molle perchè con il tempo ho imparato a conoscere la sua franchezza e la sua qualità di uomo/giocatore. Bisticciare con lui sarebbe facilissimo ma sarebbe stupido farlo. Ignora ciò che non ritieni corretto e conserva con interesse quello che ti pare giusto aldilà del risentimento personale che lascia il tempo che trova. Franchino è OK e se lo coinvolgi ci sta, dipende da cosa gli proponi.

Per tutto quanto concerne l'evolversi del backgammon io individuo una sola strada unica e inderogabile: tornei a costo zero, indicizzati ai principianti.
I tornei CNB sono per "professionisti della tavola" per gente che gioca da molti anni e pure tutti i giorni considerato l'online, il club, i tornei nazionali e internazionali..... Non regge il confronto con i neofiti.
Andare alla ricerca del club perduto è sterile, conviene lanciare una campagna promozionale la dove si avverte che c'è un movimento, esempio Como, Bologna, Firenze, Cuneo, Imperia, Sardegna... insomma ci vuole tanta buona volonta e progettazione e pure sopportare dei costi. A fronte di qualche risultato si può chiedere al CNB una partecipazione economica.

saluti
al.


Frankino ha fatto un commento inopportuno sottolineando solo la parte meno importante dove comunque ho espresso un concetto forte e di cui rimango convinto ma non sono stato sufficientemente chiaro.Il fatto grave è che è stato pure offensivo, così non va bene. Spegnere gli entusiasmi è una cosa molto facile, ci vuole poco.

Quello che ho scritto voglio mettere in pratica, il progetto è ampio ma fattibile, più gente si riesce a coinvolgere e meglio è. Ovviamente mi aspetto che la gente sia scettica ma ciò è normale, la storia del bg italiano ha dei precedenti dove non si è riuscito, anche quando abbiamo fondato la Milan Gammon Comunity è stato così ma poi le cose sono andate bene, ora siamo al Volta insieme al CDBM.

Riguardo i tornei a costo 0 ho i miei dubbi per via dei costi principalmente ma se qualcuno vuole metterla in pratica ben venga. I risultati non mi aspetto di averli a breve, non la vedo come un progetto aziendale dove si va subito a misurare i risultati. Chiedere soldi al CNB non era nei miei piani, vedremo strada facendo se è i caso.
La mia idea è che bisogna andare a visitare questi nuovi circoli, a Verona ci andrò io e a breve, negli altri magari qualcuno che ci abita vicino. Non credo sia sterile tentare di recuperare i club persi, basterebbe trovare un organizzatore e credo in poco tempo tutto potrebbe riprendere.

_________________
In backgammon la maggior parte delle volte non sappiamo con precisione cosa è giusto o sbagliato.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 117 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 11 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group. Color scheme by ColorizeIt!
Traduzione Italiana phpBB.it
[ Time : 0.091s | 15 Queries | GZIP : Off ]